Home Chi siamo Scrivono di noi Foto/Video Concerti Contatti

Il Manifesto

del 14/11/2012 - Visioni - Pag. 13

TAGLIO MEDIO - MUSICA

Il viaggio nel tempo dei Finti Illimani
di Adriana Pollice - NAPOLI




I binari delle ferrovie per raccontare un viaggio che è partito dal mito del progresso per trasformarsi nell'incubo delle comunità No Tav.
Un viaggio che la band partenopea dei Finti-Illimani percorre nel cd Quando i treni viaggiavano sicuri,
 lungo un asse temporale che dall'undici settembre 2001 scorre indietro al 1973, dalle Torri gemelle di New York al colpo di stato in Cile.
Così la prima traccia (Nove undici) vibra di interferenze elettroniche: sono le voci dei dirottatori che raccomandano la calma a bordo degli aerei, subito prima dello schianto.


Un audio libro a ritroso nella storia, dalle Torri Gemelle al colpo di stato in Cile


A terra altre voci, quelle dei pompieri, fanno la cronaca in diretta delle esplosioni che si susseguono nelle Twin towers. È in atto una guerra che era però iniziata tanto tempo prima, proseguita lungo i decenni travestita da politica estera.
Quella politica estera subita dai vicini di casa degli Usa, fino alla stagione dei golpe.
La partita di Victor Jara si apre con la voce di Salvador Allende «Sicuramente Radio Magallanes sarà zittita e il metallo tranquillo della mia voce non vi giungerà più. Continuerete a sentirla. Starò sempre insieme a voi».
Un cd che è un po' anche un audiolibro di storia: la traccia tre riporta la benedizione impartita al generale Pinochet da parte di papa Wojtyla (in attesa di rapida santificazione) e quella del suo Segretario di stato, Angelo Sodano; la traccia quattro la lettera con cui le Madri di Plaza de Mayo scomunicano il pontefice.

C'è posto per Violeta Parra, le ballad di Gordon Poole e il sax di Daniele Sepe, le sonorità sudamericane e le contaminazioni rock che ci riportano in occidente, col popolo di Seattle, con Napoli e Genova sotto assedio per il G8. Poi, come raccomandava Franz Zappa, è sempre bene includere una canzone d'amore e i Finti-Illimani seguono il consiglio chiudendo l'album con Vito e Bice.

Registrato a Napoli e Santiago de Cuba, Quando i treni viaggiavano sicuri è una produzione dal basso, edito dalla Marotta&Cafiero Editori con la collaborazione del Gridas - gruppo risveglio dal sonno, due fondamentali realtà culturali che operano da Scampia con lo sguardo aperto al mondo. Infatti per ogni cd venduto un euro sarà devoluto a Emergency, il ricavato delle vendite sarà in parte reinvestito, tramite proprio il Gridas e la Marotta&Cafiero Editori, in ulteriori autoproduzioni e coproduzioni dal basso.